di Francesca Bellola

DoveraIl disagio economico provoca disuguaglianze sempre più difficili da arginare. Un popolo di migranti, sofferente e indistinto, si muove da un continente all'altro. A queste persone Isabella Dovera si è ispirata per raffigurare, in opere cariche di un realismo travolgente, i “viaggi della speranza”. Gli sbarchi di clandestini e di richiedenti asilo politico hanno raggiunto cifre da capogiro in uno scenario quasi surreale e difficile da gestire senza un impegno concreto e rischioso della comunità internazionale.
Leggi tutto: Isabella Dovera

di Francesca Bellola

FalcoVivere in una dimensione fiabesca ripercorrendo paesaggi incantevoli dove predomina la natura ed il profumo del bosco è il sogno di molte persone. Realizzarlo non è semplice soprattutto quando si conduce una vita frenetica che lascia poco spazio all'immaginazione. Marina Falco, artista talentuosa, determinata e passionale, ci è riuscita pienamente liberando tutte le proprie emozioni per imprimerle nelle sue tele con un linguaggio espressivo di rara bellezza. Bellezza che traspare negli incantevoli paesaggi di sapore orientale, narrati con classe e dovizia di particolari, dove la natura regna sovrana diffondendo nello spettatore armonia, calma e serenità.

Leggi tutto: Marina Falco

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400http://www.okarte.it
di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo assume un particolare rilievo la sovrapporta raffigurante l'”Adorazione dei Magi” in via Orefici, in pieno centro storico, una zona dove già nel Duecento era testimoniata l'attività della corporazione dei fabbri orafi. Si tratta di un'opera dalla straordinaria vena narrativa e di preziosa cultura figurativa, realizzata attorno al 1460 probabilmente da Giovanni Gagini, membro di una prolifica famiglia di scultori d'origine lombarda.
Via Orefici - Genova mappa
Leggi tutto: Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Francesca Bellola

CerriDa tanti anni Giovanni Cerri, dopo aver iniziato in tempi insospettabili, si cimenta sulla crisi e sulla decadenza occidentale mettendo in primo piano la globalizzazione come il principale motivo di questo malessere generale. La precarietà ha creato un vuoto e una profonda ribellione ad un sistema che sta amplificando le diseguaglianze sociali.

Un interesse artistico, quello di Cerri, che lo ha portato, fin dall'adolescenza, ad esplorare le aree della città desolate e popolari che si alternavano a quelle dismesse e abbandonate: la rappresentazione dello sfaldarsi del mondo solido, austero e monumentale che fu di Mario Sironi, e che qui si frantuma, diventa fatiscente metafora del nostro declino e delle nostre illusioni in una società capitalista che pare aver anch'essa aver fallito.
Leggi tutto: Giovanni Cerri

di Francesca Bellola

SironiIrriverenza, anticonformismo, scissione e ironia sono le principali doti che accompagnano il talento di Fabio Sironi. E' infatti artista eclettico: disegnatore, illustratore, nonché vignettista per le più prestigiose testate giornalistiche ed in particolare del “Corriere della Sera”. Basti pensare che a volte la sua satira, inflessibileed elegante, fa concorrenza al pezzo da illustrare donando alla pagina un linguaggio di qualità e di spessore. L'impianto dell'immagine è costituito da un sapiente gioco nell'accatastare, deformare fino a stravolgereed a frammentare gli oggetti. La sua ricerca è caratterizzata dalla nitidezza del segno grafico che delinea con precisione volti e oggetti evidenziandoli con un sapiente studio di luci e di ombre. La sua calligrafia irrompe qua e là a fare da monito oppure a sollecitare, nell'ironia sagace che contraddistingue l'autore, un sorriso per rendere meno grave e pesante la riflessione sul nostro complesso vivere contemporaneo.
Leggi tutto: Fabio Sironi