Cose d’Altri Mondi: ricordi di antichi viaggiatorihttp://www.okarte.it
Chiusura 18/09/2017
di Marta Lock
A Palazzo Madama di Torino è in corso una mostra molto particolare, che affascina sia gli amanti dei viaggi sia gli appassionati di arte esotica perché mostra reperti importantissimi portati in Europa dai viaggiatori dell’Ottocento e del Novecento.
piazza Castello, Torino mappa
Inaugurazione 06/04/2017
A Palazzo Madama di Torino è in corso una mostra molto particolare, che affascina sia gli amanti dei viaggi sia gli appassionati di arte esotica perché mostra reperti importantissimi portati in Europa dai viaggiatori dell’Ottocento e del Novecento.

La seconda metà del XIX secolo ha visto i nobili del vecchio continente e i conquistatori del nuovo, aprirsi a culture fino ad allora completamente sconosciute o, in alcuni casi, guardate con timore e diffidenza proprio a causa delle differenze culturali che avevano rispetto a quella delle grandi corti europee. Ci fu dunque un intensificarsi dei viaggi alla scoperta di questi nuovi mondi, a volte persino commissionati da re e da regine, che portò alla corsa al collezionismo di tutto ciò che era esotico. In mostra ben 130 oggetti, donati a Palazzo Madama da diplomatici, imprenditori, artisti, commercianti e aristocratici, suddivisi in quattro sezioni distinte: Africa, Asia, America e Oceania.

Nella sezione africana si può ammirare un’ampia selezione di armi e strumenti musicali raccolti dal marchese Ainardo di Cavour, durante un viaggio compiuto nel 1862 nel Sennar, regione che si trova tra Egitto e Sudan, e da Tiziano Veggia, che lavora nella prima metà del Novecento alla costruzione di ferrovie in Congo. Molti i reperti raccolti anche dai Missionari della Consolata che sono entrati in contatto con le etnie Bambara del Mali, gli Yoruba della Nigeria e i nomadi Beja.

Nella parte dedicata all’Asia sono esposte stoffe, avori intagliati e altri oggetti che l’imprenditore Bernardo Scala nel 1880 porta con sé al suo rientro dallo Stato del Myanmar; affascinanti i testi buddhisti in lingua Pali, scritti su foglie di palma dorate e chiusi da tavolette in lacca rossa e oro, restaurati per la mostra, e gli oggetti provenienti dalla Corea come i ventagli in carta di gelso dipinta e un libro che mostra esempi delle Cinque Relazioni Umane secondo Confucio, scritto sia in cinese che in coreano.

Il settore dedicato alle Americhe mostra oggetti rari e preziosi appartenenti all’epoca precolombiana provenienti dal Messico e donati al museo nel 1876 dall’imprenditore Zaverio Calpini: sculture olmeche, urne cinerarie zapoteche, ornamenti d’oro e idoli della cultura Maya, Mixteca e Azteca, e poi manufatti più comuni come stampi in terracotta a rilievo per decorare il corpo o i rocchetti in ossidiana da inserire nei lobi delle orecchie nei momenti di battaglia contro le popolazioni rivali o per stabilire il predominio di un capo su altri contendenti. E ancora oggetti di origine peruviana come i pettorali e i pendenti in argento e oro donati dal console di Panama, una preziosa collana d’artigli di giaguaro dell’America centrale e infine la Tsantsa, una testa umana imbalsamata e miniaturizzata secondo una tecnica attraverso la quale il nemico ucciso veniva decapitato e poi gli venivano tolte tutte le ossa del cranio per dar modo al vincitore di portarla sul petto come trofeo, usanza in uso tra i guerrieri della tribù Jívaro dell’Ecuador.

E infine la sezione dell’Oceania dove sono esposte le clave rompitesta, le lance, le fiocine, le pagaie cerimoniali dipinte e intagliate a intrecci geometrici e alcuni  tessuti di fibra di corteccia battuta e decorata a stampo con motivi di linee e geometrie regolari. Insomma una mostra insolita quanto affascinante che è impossibile non visitare per chi si trova a Torino fino al 18 settembre.

COSE D’ALTRI MONDI: RACCOLTE DI VIAGGIATORI TRA OTTO E NOVECENTO
Palazzo Madama
Sala Atelier
piazza Castello, Torino
dal 6/04 al 18/09/2017

ORARI
dal lunedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00
chiuso il martedì

COSTI
Per tutto il museo di Palazzo Madama
Intero € 10,00
Ridotto € 8,00

CONTATTI
Tel. 011-4433501
palazzo madama@fondazionetorinomusei.it
www.palazzomadamatorino.it
 
Cose d’Altri Mondi: ricordi di antichi viaggiatoriPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone
Gillo Dorfles e l’esperienza americana Gillo Dorfles e l’esperienza americana
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani
La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali... La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali...
Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna
Il ritorno a Milano di due capolavori della Scapigliatura Il ritorno a Milano di due capolavori della Scapigliatura
La Certosa Garegnano: lo “scrigno d'arte” che affascinò Petrarca La Certosa Garegnano: lo “scrigno d'arte” che affascinò Petrarca
Parole da “mangiare con gli occhi” Parole da “mangiare con gli occhi”
Musei Civici di Venezia: un 2018 ricco di eventi Musei Civici di Venezia: un 2018 ricco di eventi
Vacanze Romane Vacanze Romane
Armando Marrocco: un libro di interviste per conoscere l’artista Armando Marrocco: un libro di interviste per conoscere l’artista
Affordable Art: la fiera d’arte contemporanea Affordable Art: la fiera d’arte contemporanea