htGeorges Vantongerloo - Dalla scultura alla fotografiatp://www.okarte.it
Chiusura 29/01/2017
Le fotografie delle opere di Vantongerloo esposte in collaborazione con la galleria Massimo Minini, indagano il rapporto tra la bidimensionalità della fotografia e i modi della scultura. Si tratta di 29 fotografie tra studi, servizi da tavola, maquettes di architetture di interni, esterni, dipinti, disegni e sculture.
Via San Sisto 4/A Milano mappa
Inaugurazione 12/01/2017
Il 12 gennaio 2017, alle ore 18.00 lo Studio Museo Francesco presenta la mostra dal titolo Georges Vantongerloo - Dalla scultura alla fotografia, un appuntamento che si inserisce all’interno del ciclo di esposizioni “Il lato della scultura” inaugurato dal Museo nel biennio 2015 – 2016.

Le fotografie delle opere di Vantongerloo esposte in collaborazione con la galleria Massimo Minini, indagano il rapporto tra la bidimensionalità della fotografia e i modi della scultura. Si tratta di 29 fotografie tra studi, servizi da tavola, maquettes di architetture di interni, esterni, dipinti, disegni e sculture: le prime realizzate nel 1917 - Construction de l’ovoide, in tre versioni e Construction dans la boule - rappresentano punti di vista diversi della stessa scultura; seguono diversi scatti di Construction des rapports des volumes del 1919 e Rapports des volumes. Del 1920 sono “Theière ou cafetière” e “Service à thé, opere realizzate in ceramica dallo stesso artista. Alcune foto propongono delle maquettes di architetture di interni come “Bureau” e “Bureau et fauteuil” del 1920 e “Table basse” del 1919: tutte immagini in cui l’artista a voluto dare una lettura architettonica a forme che partono dalla scultura. Infine, uno degli scatti più significativi, è il progetto per la costruzione di un ponte sulla Schelda di Anversa, questa immagine è stata rielaborata da Vantongerloo fotografando dei modelli frontalmente e creando un fotomontaggio tramite l’utilizzo del collage.

Tutte le fotografie sono scattate con modalità, luci e punti di vista diversi. Come sottolinea Angela Madesani nel catalogo della mostra: “Il punto di osservazione della scultura di Vantongerloo si trova in uno spazio nero e indefinito, una forma di rappresentazione simile a quella di El Lissitzki, di Malevič.”

BIOGRAFIA
Georges Vantongerloo artista belga nato nel 1886, studiò all'Accademia di Anversa; durante la prima guerra mondiale, internato in Olanda, conobbe Piet Mondrian e Theo van Doesburg, con i quali fondò il movimento De Stijl, il Neoplasticismo. Fu uno dei firmatari del primo manifesto e collaboratore della rivista d’arte ed architettura che accompagnò la nascita del movimento.
Vantongerloo produsse una serie di pitture e sculture secondo i principî neoplastici che, pur con l'introduzione dell'intero spettro cromatico e dell’utilizzo di proporzioni elastiche, continueranno a segnare le sue opere. La sua ricerca, basata sul rapporto tra matematica e scultura, influenzata dalla concezione razionale del mondo di Spinoza, ha come fine quello di approfondire il tema della spazialità, creando una sintesi tra architettura e scultura, con l’intento di superare i limiti delle tre dimensioni.
Stabilitosi a Parigi nel 1927, figurò nel 1930 alla Mostra “Cercle e Carré” e nel 1932 partecipò alla fondazione del gruppo Abstractio – Création. Si dedicò, oltre alla scultura, anche alla ricerca e alla produzione fotografica come mezzo di riflessione. Attraverso questa ricerca Vantongerloo ha compreso quanto fosse fondamentale la fotografia per il processo creativo di un artista moderno.

Apertura: mart-dom 10.00-18.00
INGRESSO GRATUITO
telefono 02 86453005
c.museomessina@comune.milano.it www.facebook/museomessina

I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
Quando l’uomo scoprì di avere un’anima Quando l’uomo scoprì di avere un’anima
Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero
Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività
Scopriamo gli archetipi classici di Picasso Scopriamo gli archetipi classici di Picasso
La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano
San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie
A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone
Gillo Dorfles e l’esperienza americana Gillo Dorfles e l’esperienza americana
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani
La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali... La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali...
Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna
Il ritorno a Milano di due capolavori della Scapigliatura Il ritorno a Milano di due capolavori della Scapigliatura

Articoli archiviati